Lezioni
Quiz
Domande
Utenti
Chimici

Spesso in un corso di chimica, quando si trattano le metodiche di separazione dei componenti di un miscuglio eterogeneo o omogeneo, gli studenti tendono a sottovalutare l'importanza che tali metodi rivestono nella vita quotidiana. Basti pensare alla centrifuga della lavatrice, che ci permette di far asciugare molto più rapidamente la nostra biancheria, alle vasche di decantazione degli impianti di depurazione delle acque, alle saline oppure al caffè decaffeinato. Ancora più raramente si pensa all'importanza dei metodi di separazione nella preparazione di un campione da sottoporre ad analisi chimica; complici di questa superficialità i vari film o telefilm che ci propinano in tv, dove il protagonista di turno preleva qualcosa dalla scena del crimine, la mette tal quale in una misteriosa apparecchiatura e, quasi per magia, dopo pochi secondi arriva il responso.

Qui di seguito propongo, a studenti o a colleghi docenti, una breve presentazione, tratta da un articolo reperito in Internet, che permette di comprendere immediatamente l'importanza dei metodi fisici e chimici di separazione nel campo della ricerca scientifica. Ho utilizzato il titolo scelto dall'autore, perché mi piace molto ed anche perché il merito è tutto suo: l'ago avvelenato. Se volete approfondire l'argomento e se conoscete bene l'inglese, leggete l'articolo originale (il link lo trovate nella prima pagina della presentazione).

5 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (2 Votes)

Pubblicità

Federico Boccardi ha esclamato Eureka!
...perchè da oggi è su Scienze a Scuola!
Franco Buscemi ha esclamato Eureka!
...perchè da oggi è su Scienze a Scuola!
Altro

Altri stanno studiando...