Please select your page

Organismi autotrofi ed eterotrofi

Organismi

Il significato di autotrofo ed eterotrofo

Che cosa significa autotrofo? Ed eterotrofo?

Una prima distinzione può essere fatta in base al fabbisogno nutritivo degli organismi.

Gli organismi autotrofi sono in grado di vivere in ambienti in cui sono presenti semplici composti inorganici; essi riescono a sintetizzare le molecole biologiche di cui hanno bisogno utilizzando come fonte di carbonio il biossido di carbonio e come fonte di azoto l'ammoniaca o altri composti inorganici azotati. Per essi, quindi, la presenza o meno di altri organismi, come pure di molecole organiche di origine esogena, non è necessaria.

Gli organismi eterotrofi hanno invece bisogno, dal punto di vista nutrizionale, di composti organici. Inoltre essi da tali molecole ricavano, dopo la digestione e la successiva demolizione di tali composti, anche l'energia necessaria alla loro sopravvivenza.

girasoli

Le piante sono organismi autotrofi

Si può quindi affermare che gli organismi eterotrofi dipendono dagli organismi autotrofi.

Una seconda distinzione è possibile se si prende in considerazione il fabbisogno energetico degli organismi.

Alcuni vengono detti fototrofi se utilizzano l'energia fornita dalla luce del Sole; chemiotrofi se utilizzano l'energia chimica contenuta nei legami delle molecole.

Combinando insieme i concetti si possono individuare così quattro categorie:

  • organismi fotoautotrofi, utilizzano sostanze inorganiche come base per la sintesi di molecole organiche e la luce come fonte di energia (ad esempio le piante, le alghe e alcuni batteri);
  • organismi chemioautotrofi, utilizzano sostanze inorganiche sia come base per la sintesi di molecole organiche sia come fonte di energia (ad esempio nitrobatteri, ferrobatteri, nitrosobatteri);
  • organismi fotoeterotrofi, utilizzano sostanze organiche come base per la sintesi di altre molecole organiche e la luce come fonte di energia (ad esempio alcuni batteri);
  • organismi chemioeterotrofi, utilizzano sostanze organiche e inorganiche sia come materiali di sintesi sia per ricavare energia (ad esempio animali, protozoi, funghi e batteri).

Per approfondire, potrebbe interessarti:


Seguici



Cosa c'è di nuovo


Dai un'occhiata qui...

  • Il sistema periodico degli elementi +

    Tra tutte le scoperte scientifiche effettuate in vari campi, la periodicità del comportamento chimico è senz’altro una delle più affascinanti Read More
  • Le mappe mentali con Text 2 Mind Map +

    Come costruire mappe mentali Sicuramente tra gli strumenti che possono essere utilizzati con molto profitto nel cooperative learning e nel Read More
  • Le reazioni di ossidoriduzione o redox: il bilanciamento +

    Le redox e il bilanciamento Bilanciare una redox significa assegnare i corretti coefficienti ai reagenti ed ai prodotti, in cui Read More
  • Giove il gigante gassoso +

    Testi di Martina Pesaresi, Ambra Agordati e Chiara Ragnini - Quinta B Giove è un pianeta gassoso enorme, la cui massa Read More
  • Nomenclatura in chimica inorganica +

    Ad alcuni può risultare più difficile ricavare la formula chimica dal nome, ad altri il contrario, ma basta capire il Read More
  • Il modello VSEPR per la definizione della geometria molecolare +

    In chimica ed in biologia lo studio della forma delle molecole riveste un'enorme importanza per capire e prevedere il loro Read More
  • Proposta sul metodo di studio del libro di testo (Explorer) +

    Metodo di studio, come studiare in maniera efficace 1) OSSERVARE: leggere i prerequisiti (se vengono indicati), le competenze che verranno Read More
  • Consigli (utili) per lo studio +

    Settembre, si ritorna a scuola. Ci si ritrova nelle aule, con tanti bei propositi ma spesso anche con la consapevolezza Read More
  • Le reazioni di ossidoriduzione in chimica organica +

    Il numero di ossidazione nei composti organici La determinazione del numero di ossidazione degli elementi costituenti piccole molecole organiche non Read More
  • Introduzione alla chimica ponderale +

    Qui di seguito illustrerò, in maniera molto schematica, alcuni concetti importanti per la comprensione del modulo di chimica ponderale: isotopi Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5