Please select your page

Organismi autotrofi ed eterotrofi

Organismi

Il significato di autotrofo ed eterotrofo

Che cosa significa autotrofo? Ed eterotrofo?

Una prima distinzione può essere fatta in base al fabbisogno nutritivo degli organismi.

Gli organismi autotrofi sono in grado di vivere in ambienti in cui sono presenti semplici composti inorganici; essi riescono a sintetizzare le molecole biologiche di cui hanno bisogno utilizzando come fonte di carbonio il biossido di carbonio e come fonte di azoto l'ammoniaca o altri composti inorganici azotati. Per essi, quindi, la presenza o meno di altri organismi, come pure di molecole organiche di origine esogena, non è necessaria.

Gli organismi eterotrofi hanno invece bisogno, dal punto di vista nutrizionale, di composti organici. Inoltre essi da tali molecole ricavano, dopo la digestione e la successiva demolizione di tali composti, anche l'energia necessaria alla loro sopravvivenza.

girasoli

Le piante sono organismi autotrofi

Si può quindi affermare che gli organismi eterotrofi dipendono dagli organismi autotrofi.

Una seconda distinzione è possibile se si prende in considerazione il fabbisogno energetico degli organismi.

Alcuni vengono detti fototrofi se utilizzano l'energia fornita dalla luce del Sole; chemiotrofi se utilizzano l'energia chimica contenuta nei legami delle molecole.

Combinando insieme i concetti si possono individuare così quattro categorie:

  • organismi fotoautotrofi, utilizzano sostanze inorganiche come base per la sintesi di molecole organiche e la luce come fonte di energia (ad esempio le piante, le alghe e alcuni batteri);
  • organismi chemioautotrofi, utilizzano sostanze inorganiche sia come base per la sintesi di molecole organiche sia come fonte di energia (ad esempio nitrobatteri, ferrobatteri, nitrosobatteri);
  • organismi fotoeterotrofi, utilizzano sostanze organiche come base per la sintesi di altre molecole organiche e la luce come fonte di energia (ad esempio alcuni batteri);
  • organismi chemioeterotrofi, utilizzano sostanze organiche e inorganiche sia come materiali di sintesi sia per ricavare energia (ad esempio animali, protozoi, funghi e batteri).

Per approfondire, potrebbe interessarti:


Seguici



Cosa c'è di nuovo


Dai un'occhiata qui...

  • Il laboratorio e la tecnica del problem solving +

    Questo materiale didattico non è tra i più recenti ma piuttosto che farlo finire nel dimenticatoio preferisco metterlo a disposizione: Read More
  • Il momento dipolare +

    Il momento dipolare Il momento dipolare misura la polarità di un legame chimico. Viene indicato con μ e vale: μ = δ•d dove δ Read More
  • Dimostrazione sperimentale delle leggi di Proust e Dalton con i mattoncini LEGO® +

    L’uso dei giocattoli in didattica secondo me è molto proficuo: gli studenti sono molto più attenti quando gli si propone Read More
  • Bilanciamento delle redox: metodo della variazione del numero di ossidazione +

    In una lezione precedente avevo indicato il procedimento per risolvere un semplice problema di stechiometria. Qualcuno mi ha chiesto come Read More
  • La stechiometria +

    La stechiometria, termine derivante dal greco stoicheion che significa elemento e metron che significa misura, si potrebbe descrivere con una Read More
  • Introduzione alla chimica ponderale +

    chimica ponderale Qui di seguito illustrerò, in maniera molto schematica, alcuni concetti importanti per la comprensione del modulo di chimica ponderale: isotopi Read More
  • Saper usare il libro di testo +

    Per studiare efficacemente, il libro di testo deve essere letto in maniera sistematica e approfondita. Nel documento troverai alcuni consigli Read More
  • Stato gassoso e leggi dei gas +

    plasma lamp Cosa è lo stato gassoso e quali sono le leggi dei gas ? Lo stato gassoso è uno stato della materia Read More
  • Termodinamica in chimica: secondo principio ed entropia +

    Il secondo principio della termodinamica e l'entropia Nella lezione precedente ho parlato degli scambi di calore che avvengono durante le Read More
  • L'ago avvelenato: breve storia sulla scoperta di una sostanza tossica +

    Chimici Spesso in un corso di chimica, quando si trattano le metodiche di separazione dei componenti di un miscuglio eterogeneo o Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5